lunedì 4 febbraio 2013

A ... agrinido e agriasilo

Eccoci,
tra gennaio e febbraio alle prese con i moduli di iscrizione alla scuola materna per il nano grande, poi sarà il turno dei moduli per il nido per il nano piccolo.
Agrinido di Qualità - Regione Marche
Eccoci alle triangolazioni per intercettare le "scuole giuste", dove in cima alla classifica non c'è quella con il miglior approccio/programma pedagogico...ma quella in cui sia più plausibile ottenere un posto, che ci dia il maggior punteggio (perchè ricade nel municipio o, dove li hanno concordati, nel fantomatico bacino d'utenza), che garantisca l'orario per noi più confacente, che si trovi su una delle direttrici che papà, mamma, nonni o zii si trovano a percorrere per andare al lavoro, e che non implichino deviazioni improponibili ...
Nella folle routine della capitale, passano così in secondo piano cose importanti: Com'è il posto dove nostro figlio rischia di passare anche 7 ore della sua giornata? Che approccio pedagogico pensano di usare gli educatori? C'è un programma che guiderà la sua esperienza educativa? e non ultimo ... Lo spazio esterno, oltre ad essere previsto, sarà anche effettivamente utilizzato; oppure aula, corridoi e mensa saranno gli unici spazi (chiusi) in cui trascorrerà il tempo?

... Sarà che il primo posto in vita mia in cui ho dovuto indossare dei calzari (quei copriscarpa di plastica blu, che ci fanno mettere prima di entrare nelle stanze del nido o dell'asilo) è stato un ... allevamento di polli ... ma non posso fare a meno di paragonare questi due sistemi: "bambini al chiuso" e "polli/galline da allevamento" ... :-P
Sarà pure che per entrambi la normativa prevede i metri quadri che deve avere lo stabile, la dimensione dello spazio esterno, la superficie con finestre ... le similitudini sono diverse, e comprendono anche il ricorso fisso agli antibiotici, l'uso di integratori alimentari/vitamine/vaccini, disinfettanti aggressivi e paura dell'ingresso di "agenti esterni" che possano portare microbi.
Comunque, quando devo comprare le uova, cerco di scegliere quelle di galline che hanno avuto la possibilità di pascolare a terra (tipologia "0" o "1", ovvero biologiche o allevate all'aperto)... e cerco di applicare lo stesso principio nella scelta dell'asilo ...
Delle due scuole che ho individuato per presentare domanda, una ha dei graziosi cortiletti esterni micronizzati (tipo 4 metri per 4) con della bella erba verde, ed una piccola sabbiera ciascuno; l'altra ha uno spazio più grande (tipo 5 metri per 10), con dei giochi ma senza un filo d'erba, tutta terra battuta. Il colpo d'occhio premierebbe la prima...ma, lo stato dell'erba, verdeggiante e immacolata...mi fa' pensare che mai piedino di bimbo l'abbia calpestata, non credo che lo spazio sia utilizzato per prendere una boccata d'aria. Nell'altro caso, l'affermazione della maestra "li facciamo uscire appena c'è un raggio di sole" risponde sicuramente a verità, molti piedi di bimbi hanno calcato quel suolo ... punto a favore, anche se l'approccio pedagogico mi è sembrato meno chiaro, un po' "fatto in casa".
Progetto Sperimentale Agrinido di Qualità - indice
Così, compilo i miei moduli ... e provo un bel po' di invidia per le mamme della Regione Marche ... certo non per tutte, ma per un po' di loro, sicuramente! Sono le mamme che possono scegliere di mandare i loro bimbi in un agrinido! Da gennaio 2012, infatti, le Marche hanno avviato un Progetto Sperimentale per l'Agrinido di Qualità, e stanno costruendo un servizio educativo all'infanzia innovativo e di alto livello. L'esperienza pilota è stata l'Agrinido "L'Esperienza" a Pievebovigliana (MC) e dopo solo un anno si è arrivati a 5 agrinidi ("Della Natura" ed "Ippolandia" su Macerata, "Ad Ogni Passo" su Pesaro Urbino ed "Arca di Noè" su Fermo). Si tratta di asili nido, rivolti a bimbi tra 0 e 3 anni, all'interno di aziende agricole. La vita dell'azienda diviene parte integrante delle esperienze educative dei bambini, come pure i prodotti agricoli delle aziende, divengono parte integrante dei pasti consumati durante il soggiorno al nido. Per avere un'idea più immediata di cosa possa essere l'esperienza di un agrinido, e per respirarne la differenza rispetto ad un "convenzionale" nido, invito a visitare la pagina facebook di Agrinido Regione Marche, dove le foto del diario spiegano più di mille parole!
Il percorso di qualità intrapreso dalla Regione Marche sta' consolidando efficacemente quello che per la maggior parte delle mamme italiane (me per prima) è ancora un sogno, ma che esperienze vivaci e innovative come quelle de i Piccoli Frutti (CR) o della Piemontesina (TO) e degli altri agrinidi e agriasili che stanno nascendo in Italia, ci fanno intravedere e sperare di poter presto considerare un'alternativa comune e diffusa sul territorio, specie se gli Amministratori, come accaduto nelle Marche, guidano la passione, le competenze e l'entusiasmo degli agricoltori e degli educatori che decidono di investire in questa impresa.

Nessun commento:

Posta un commento